Coronavirus, a Brescia allarme ictus: 8 su 10 sono per l’infezione

coronavirus brescia ictus

Agli Spedali Civili di Brescia 8 ictus su 10 sono legati al coronavirus. I pazienti hanno registrato crisi del sistema nervoso. A dirlo il direttore generale della struttura Gianmarco Trivelli.

Coronavirus, a Brescia ictus legati all’infezione

Tra i ricoverati all’ospedale Civili di Brescia 8 casi su 10 di ictus sono legati al coronavirus. A dare la conferma è il direttore generale del nosocomio Gianmarco Trivelli: “Stanno aumentando i casi di ictus collegati al Coronavirus, che ormai riteniamo una malattia multi organi – ha detto Trivelli – Si registrano crisi del sistema nervoso che portano a un improvviso blocco respiratorio, anche se il quadro polmonare non è compromesso“.

I problemi neurologici, quindi, vanno ad aggravare il quadro clinico che non solo diventa più complesso ma compromette anche la possibilità di guarire più velocemente.

La situazione a Brescia

Il Civili è uno degli ospedali con il più alto numero di ricoverati. Sono circa 800, il doppio del Giovanni XXIII di Bergamo (che ne conta all’incirca 450). Per la terapia intensiva ci sono 64 posti e 19 sono ancora in allestimento. In campo per far fronte all’emergenza ci sono 4.500 dipendenti. Tra questi sono 300 i casi positivi accertati, ovvero il 6,7%.

La Protezione Civile ha divulgato un bollettino in cui non sono però inclusi tutti coloro che forse sono in casa ed affrontano la malattia lontano dalle statistiche burocratiche ma che risulta decisamente positivo rispetto agli ultimi giorni. I 75.528 malati di Covid-19 sono aumentati di 1.648 in 24 ore, contro un aumento nel passato, decisamente maggiore, di 3.815 casi.

Il rallentamento interessa anche le province più colpite: Milano, Bergamo e Brescia. Fuori dalla “crescita esponenziale” anche le regioni del centro.

Negli ospedali bresciani sono calati anche i decessi 47 morti per Covid 19 negli ospedali bresciani, dopo i 52,59,27 e 78 dei giorni passati. Tra questi, c’erano anche Lino e Giulio grandi amici nella vita e uniti anche nel tragico destino.