Coronavirus, Brescia (M5s): Parlamento lavori in videoconferenza

Pol/Bac

Roma, 23 mar. (askanews) - "Domani al Senato inizierà l'esame del decreto Cura Italia. Il Parlamento continua a lavorare, non è affatto chiuso. Siamo un servizio essenziale, ma non possiamo mettere a rischio l'incolumità nostra, quella dei dipendenti e delle persone che ci stanno accanto. Per questo dobbiamo lavorare in videoconferenza. Le presidenze di Camera e Senato dovrebbero convocare un tavolo tecnico presso la Giunta per il Regolamento per approntare un sistema sicuro ed efficiente." Lo afferma in una nota Giuseppe Brescia, deputato del MoVimento 5 Stelle e presidente della commissione Affari Costituzionali della Camera.

"Sono ridicole - aggiunge - le accuse di assenteisti cronici come Salvini o la Meloni, che ho visto tre volte in due anni in commissione. Vogliamo e dobbiamo lavorare rispettando le misure di sicurezza sanitaria imposte a tutto il Paese. La tecnologia oggi offre soluzioni diverse da quelle del passato. La presenza può essere garantita attraverso il riconoscimento biometrico e la videoripresa del parlamentare. Una situazione di emergenza straordinaria come questa ci impone di innovare, come del resto sta facendo il Parlamento Europeo".

"Scuola e pubblica amministrazione stanno cambiando con didattica a distanza e smartworking. Perché non può farlo anche il Parlamento? Continuiamo a osservare principi e valori della Costituzione e dei regolamenti parlamentari, ma abbattiamo resistenze e conservatorismi. Prepariamoci a soluzioni inedite e temporanee." conclude il presidente della I commissione. convochino tavolo tecnico presso Giunta per il Regolamento", conclude.