Coronavirus, Brunetta: inadeguata risposta Ue, crisi è europea

Red/Lsa

Roma, 7 mar. (askanews) - "Assolutamente inadeguata appare la lettera di risposta della Unione Europea, firmata dal vicepresidente della Commissione Europea, Valdis Dombrovskis, e dal commissario agli affari finanziari, Paolo Gentiloni, al Governo italiano circa l'emergenza sul coronavirus. Non si tratta, come afferma la Commissione, di concedere all'Italia margini di flessibilità speciali riguardo all'emergenza sanitaria. Si tratta, invece, di riconoscere lo stato di crisi non solo e non tanto dell'Italia, quanto dell'intera Unione Europea. Una Unione che, come già accaduto ai tempi della crisi di Lehaman Brothers, stenta a comprendere la rilevanza del fenomeno e a prendere le relative decisioni". Lo scrive in una nota Renato Brunetta, deputato e responsabile economico di Forza Italia.

"Quella volta ci volle Mario Draghi e il suo 'whatever it takes' per dare uno scossone all'Europa. L'Unione Europea, purtroppo, sembra non aver ancora capito la lezione. Per questo motivo - conclude Brunetta - Forza Italia torna a chiedere nuovamente la convocazione immediata di un Consiglio Europeo straordinario per discutere non della crisi di questo o di quel paese, ma di come l'intera Unione debba rispondere all'emergenza".