Coronavirus, Brunetta: Ue coordini sua azione, crisi è tutta Europa

Fdv

Roma, 18 mar. (askanews) - "L'Unione Europea sta dando una brutta immagine di se stessa in questa fase di emergenza da coronavirus. Anziché dare, infatti, una risposta unitaria e intraprendere misure finanziarie ad hoc per risolvere il problema della carenza di liquidità che si è creato per famiglie e imprese, oltre che per le finanze degli Stati, si è divisa su questioni importanti come l'intervento della Bce e del Mes. Sulla prima ci ha pensato il governatore della Banca Centrale austriaca Holzmann, dichiarando che la Bce non può fare più di quello che già sta facendo. Una frase che ha subito fatto colare a picco i mercati e fatto schizzare lo spread a 300 punti base, prima che l'istituto di Francoforte fosse costretto ad intervenire per metterci nuovamente una pezza, dopo quella messa per la gaffe di Christine Lagarde della scorsa settimana". Lo ha detto Renato Brunetta, deputato di Fi e responsabile economico azzurro.

"Sul Mes - ha continuato - ci ha pensato invece il ministro delle finanze tedesco Olaf Scholz a dire che il Mes non deve essere usato come strumento di intervento nella crisi. Altra frase indigesta ai mercati. Ognuno va quindi per la sua strada, in ordine sparso, senza coordinamento alcuno, con i paesi del Nord Europa che stentano a capire che la crisi è europea, non solo dei paesi del Sud".