Coronavirus, Brusaferro (Iss): misure coerenti contro contagio

Nav

Roma, 5 mar. (askanews) - "Le misure che il Dpcm propone a noi cittadini sono misure che vanno verso l'azione di contenimento della circolazione del virus, sono coerenti con l'obiettivo che stiamo perseguendo di ridurre la probabilità che il virus circoli tra le persone". Così ha detto il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, in conferenza stampa alla Protezione Civile.

Le misure adottate ieri - ha continuato - "sono coerenti con gli obiettivi, raccolgono diversi pareri che il comitato ha espresso e che trovano sintesi in questo atto normativo, e servono per contenere i contagi. Sono due le chiavi di lettura - ha spiegato - le regole e i comportamenti sociali e quelli personali, che riguardano ognuno di noi. È importante che le misure abbiano una loro coerenza, sulla base poi della circolazione del virus, e vanno modulate avendo attenzione particolare all'evoluzione epidemiologica".

Insomma - ha detto ancora il professor Brusaferro - "la responsabilità e la consapevolezza di ognuno di noi è un fattore chiave, senza il quale le misure generali rischiano di essere inefficaci. Le raccomandazioni sono degli elementi cardine che dobbiamo adottare tutti, sono piccoli sacrifici, un piccolo disagio ma oggi affrontarlo vuol dire fare un servizio ai nostri vicini, alle nostre comunità, al nostro Paese".

Rispetto al metro di distanza tra interlocutori - ha detto Brusaferro - è una distanza raccomandata dall'Oms. "Il Comitato tecnico scientifico e il decisore politico hanno recepito questo standard. Osservare questa distanza minima nei luoghi affollati - ha spiegato Brusaferro - riduce in molto molto significativo la possibilità di trasmissione del virus".