Coronavirus, Brusaferro: morti in calo? Su trend non mi sbilanci

Nes

Roma, 23 mar. (askanews) - E' lievemente calato anche oggi il numero delle vittime per l'epidemia di coronavirus: 602 decessi contro i 651 di ieri (793 due giorni fa) ma è ancora presto per ipotizzare una tendenza calante della curva. Lo ha detto chiaramente il presidente dell'istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, commentando i dati diffusi nell'attesa conferenza stampa dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli.

"Non mi sento di sbilanciarmi", ha detto Brusaferro alla pattuglia di undici cronisti presenti nell'auditorium della Protezione civile in via Vitorchiano, a Roma. "Questi dati - ha spiegato Brusaferro - censiscono quello che è stato fatto con provvedimenti adottati due settimane fa. Gli effetti dei provvedimenti adottati in questi giorni li vedremo in successione". Molto dipende dal rispetto delle regole e dei comportamenti che vanno rispettati per evitare una diffusione della pandemia.

Brusaferro ha poi aggiunto che "il Comitato scientifico che affianca la Protezione civile in questa emergenza "sostanzialmente sostiene le misure che facilitano il distanziamento sociale" per arginare la diffusione del virus. Sulla sperimentazione di nuovi farmaci, Brusaferro ha tenuto a precisare che "l'Aifa è una agenzia di altissimo profilo" che "ha reso molto trasparente la sperimentazione che stiamo facendo" e "ci sono molte proposte di sperimentazione".