Coronavirus, in Bulgaria ministri e deputati rinunciano allo stipendio

coronavirus bulgaria stipendi ministri e parlamentari

I ministri e deputati della Bulgaria hanno deciso di rinunciare allo stipendio, donandolo alla sanità pubblica fino alla fine dell’emergenza coronavirus. L’ammontare dei salari si aggira intorno ai 750mila euro.

Coronavirus Bulgaria, ministri rinunciano a stipendio

In Bulgaria i ministri e deputati hanno mostrato di avere le idee chiare su come affrontare l’emergenza coronavirus. I parlamentari e i membri del governo, infatti hanno deciso di rinunciare allo stipendio fino a quando l’emergenza non vedrà la sua fine.

Un bellissimo esempio di responsabilità e consapevolezza da parte del governo bulgaro che infatti ha deciso di donare poi gli stipendi direttamnete alla sanità pubblica, per dare man forte alle misure di contenimento già in atto. La donazione dei deputati ammonterà a circa 1,44 milioni di leva, corrispondenti a circa 740mila euro.

Paese in difficoltà

Nonostante sul fronte epidemia la sanità rimanga molto efficiente, dal punto di vista economico la Bulgaria ora appare un paese in grave difficoltà. Lunedì scorso il Parlamento ha votato per aggiornare il bilancio 2020, adottando un deficit del 3%. Inoltre, è atteso un aumento significativo della disoccupazione fino al 6,2%, a causa dei 42.000 nuovi disoccupati che sono stati registrati a ausa del coronavirus.

Con 549 casi confermati e 22 morti, la Bulgaria rimane relativamente poco colpita dalla pandemia. A maggior ragione però, consapevole della propria condizione, la Bulgaria ha deciso fin da subito di attuare misure restrittive rigide, per evitare di raggiungere un precoce collasso prima di Italia, Spagna e Francia.