Coronavirus, Bva Doxa: 90% italiani ha paura contagio

Red/Nav

Roma, 25 mar. (askanews) - Sono più preoccupati, più fiduciosi nelle iniziative varate dal Governo, più diligenti nel rispetto delle misure precauzionali e più favorevoli alla rinuncia di diritti fondamentali pur di contenere il contagio. È questo l'identikit degli italiani tracciato dall'ultimo sondaggio condotto in Italia da Bva Doxa relativamente alle percezioni, preoccupazioni, opinioni e previsioni dei cittadini in merito all'emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid-19

L'indagine - focalizzata sulla situazione italiana e quella dei principali paesi europei (Francia, Regno Unito e Germania) - si inserisce in un più ampio sondaggio condotto con Gallup International, il network del quale BVA Doxa è socio fondatore, in 26 paesi in tutto il mondo. Le rilevazioni fanno riferimento al periodo 10 - 19 marzo 2020.

Paura del contagio: preoccupata l'Italia, tranquilla la Germania. La stragrande maggioranza degli italiani esprime preoccupazione: il 90% teme di essere contagiato, con un'accentuazione nell'area Sud e Isole, dove la preoccupazione arriva al 94%. Nonostante una prevalenza di contagiati estremamente più elevata, la Lombardia non mostra segnali di maggior preoccupazione probabilmente grazie all'efficienza del sistema sanitario lombardo e alla fiducia in esso riposta (per l'89% degli intervistati).

Seppur inferiore rispetto all'Italia, anche in Francia e Regno Unito il livello di preoccupazione per il rischio di contagio è elevato e sfiora l'80% (UK 78%, Francia 76%). In questo quadro, i tedeschi sono quelli meno allarmati dalla situazione: in Germania, meno della metà della popolazione, il 46%, esprime preoccupazione.

A livello mondiale la preoccupazione è inferiore a quella riscontrata a livello europeo e pari al 62%. (Segue)