Coronavirus, Bva Doxa: 90% italiani ha paura contagio -3-

Red/Nav

Roma, 25 mar. (askanews) - Coronavirus: per la Germania è "solo un'influenza". Per alcuni, la reazione dei media all'emergenza sanitaria è stata esagerata. In Italia ne è convinto il 29% della popolazione, mentre al contrario il 67% è dell'opinione opposta e ritiene che gli organi di informazione stiano riportando correttamente l'emergenza.

Ma è la Germania a essere la più scettica: tre tedeschi su cinque ritengono che la situazione venga dipinta in modo più grave di quello che sia realmente. Più esigue le percentuali nel Regno Unito (26%) e in Francia (17%).

Per ridurre il contagio "whatever it takes": il 93% degli italiani limiterebbe i propri diritti fondamentali. Pur di contenere la pandemia e osservare finalmente una netta inversione del trend dei contagi, quasi la totalità degli italiani, il 93%, è favorevole a rinunciare ad alcuni diritti fondamentali, come per esempio il diritto alla privacy. Un dato estremamente elevato, il più alto in Europa e trasversale e valido su tutte le fasce di età e le aree geografiche incluse nell'analisi.

Seppure con percentuali inferiori, anche gli altri paesi europei sono disposti a limitare i diritti fondamentali per reagire alla diffusione del coronavirus: in Francia ha espresso opinione favorevole l'84%, in Regno Unito il 72% e in Germania il 71%.

Risultati in linea con il resto del mondo: tre quarti (il 76%) degli intervistati a livello mondiale sono disposti a sacrificare parte dei propri diritti fondamentali se ciò dovesse essere utile a contenere il contagio. (Segue)