Coronavirus, Calabria (FI): Lagarde è Don Abbondio, serve coraggio

Pol/Bac

Roma, 13 mar. (askanews) - "Le parole della numero uno della BCE Lagarde, che ieri hanno provocato un vero e proprio terremoto sui mercati, sono l'ennesimo sintomo di un'architettura europea debole e plasticamente lontana dalla sensibilità e dalla solidarietà che dovrebbero essere il fondamento e la ragione d'essere dell'Unione europea". Lo dichiara la deputata di Forza Italia, Annagrazia Calabria.

"In questo momento - aggiunge - non abbiamo bisogno di versioni femminili di Don Abbondio: c'è bisogno di competenza e coraggio. Perché se il percorso comunitario non è in grado di realizzare iniziative concrete a tutela dell'economia degli Stati membri e, prima ancora, della salute dei cittadini, allora il processo di integrazione, come non mai, rischia di uscirne gravemente compromesso. Sembra lontano anni luce ormai il 2012 e la risolutezza con cui Mario Draghi condusse con forza fuori dal pericolo banche e imprese colpite dalla recessione con il quantitative easing, dimostrando fermezza e determinazione", conclude.