Coronavirus, cambia l'età media: l'ultimo report Gimbe

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
Coronavirus, cambia l'età media: l'ultimo report Gimbe (Photo by Alessio Coser/Getty Images)
Coronavirus, cambia l'età media: l'ultimo report Gimbe (Photo by Alessio Coser/Getty Images)

Si è verificato un aumento dei ricoveri (+26%) e delle terapie intensive (+41%) nella settimana che va dal 9 al 15 settembre, mentre si è registrata una stabilizzazione nell'aumento dei nuovi casi rispetto alla settimana precedente. Sono questi i numeri registrati dal monitoraggio coronavirus della Fondazione indipendente Gimbe.

Sono aumentati i casi attualmente positivi (39.712 vs 33.789) e, sul fronte degli ospedali, i pazienti ricoverati con sintomi (2.222 vs 1.760) e in terapia intensiva (201 vs 143). Il numero dei decessi è stabile (70 vs 72).

GUARDA ANCHE - Il coronavirus diventerà stagionale, come l’influenza

Nino Cartabellotta, presidente Gimbe, ha affermato: "Nell'ultima settimana l'aumento dei nuovi casi appare stabilizzato, anche se è verosimile che il numero sia sottostimato considerata la riduzione dei casi testati e l'ulteriore aumento del rapporto positivi/casi testati. Si conferma inoltre il trend in aumento dei pazienti ospedalizzati con sintomi e di quelli in terapia intensiva. Tutte spie rosse - prosegue - che impongono la consapevolezza pubblica sulle dinamiche dell'epidemia, senza minimizzazioni o terrorismi di sorta, al fine di mantenere alta la guardia anche per l'imprevedibile impatto della riapertura delle scuole sulla curva dei contagi".

Per quanto riguarda i dati delle Regioni, circa 3/4 dei pazienti ricoverati si concentrano in 7 Regioni (74,3%): Lazio (453), Campania (295), Lombardia (263), Puglia (204), Emilia-Romagna (168), Sicilia (141) e Liguria (128). Il 74,1% dei pazienti in terapia intensiva si distribuiscono in 8 Regioni: Lombardia (29), Lazio (18), Campania (18), Sardegna (18), Emilia-Romagna (17), Sicilia (17), Toscana (17), Veneto (15).

L’età media “nelle ultime due settimane è risalita a circa 40 anni, dimostrando che i giovani asintomatici, quando vengono a contatto in ambito familiare con persone adulte e anziane, contagiano soggetti fragili che sviluppano sintomi e possono necessitare di ricovero ospedaliero, o addirittura in terapia intensiva”, ha spiegato Cartabellotta.

GUARDA ANCHE - Coronavirus, quanto rischiano i bambini?