Coronavirus, Cangemi: Lazio, cittadini non sanno cosa fare

Bet

Roma, 26 feb. (askanews) - "Ci arrivano segnalazioni di cittadini a Roma e nel Lazio, tornati da luoghi, in Italia o all'estero, dove sono stati registrati contagi da coronavirus, che si sono posti in quarantena volontaria e non hanno idea di come comportarsi". Così il vice presidente del Consiglio regionale del Lazio, Giuseppe Cangemi.

"A quanto pare le chiamate al 112 - spiega - vengono rimbalzate al 1500 e alla fine restano senza indicazioni sul da farsi: a quali strutture rivolgersi, se richiedere o meno il tampone. Occorre colmare questo deficit di ascolto perché si rischia di aumentare lo stato di insicurezza dei cittadini già sin troppo elevato. L'effetto panico - conclude Cangemi - si fa sentire anche su strumenti che dovrebbero essere di ausilio al cittadino e invece si stanno rivelando insufficienti. Zingaretti intervenga per rassicurare la popolazione".