Coronavirus, Castaldo (M5s): Ue sia unita su Eurobond e ruolo Bce

Rea

Roma, 24 mar. (askanews) - "Come fa a professarsi europeista e fautore dell'integrazione chi, al governo nei suoi Paesi, si oppone a misure di buon senso, chi propugna condizionalità insostenibili di fronte alle migliaia di morti per il virus, difendendo peraltro privilegi odiosi come gli sconti al bilancio europeo e politiche fiscali aggressive verso i suoi vicini? Con che faccia oserà ancora parlare di valori europei? Noi lo ribadiamo con chiarezza: le ricette di austerity e gli strumenti come il Mes sono stati sconfessati dalla storia. L'Italia non deve accettare condizionalità odiose e ingiustificabili che possano ipotecare il futuro dei suoi cittadini". Così in una nota Fabio Massimo Castaldo, europarlamentare del Movimento 5 Stelle e vicepresidente del Parlamento europeo.

"Se la Germania e ancor di più l'Olanda persevereranno nella loro ostinata contrarietà al varo di strumenti di condivisione come l'Eurobond, si metteranno fuori dall'Europa stessa. Oggi c'è bisogno di unità e strumenti collettivi di finanziamento, a partire da una prima forma di Eurobond finalizzati a reperire risorse per affrontare le conseguenze sanitarie ed economiche della crisi, dei veri e propri coronabond quindi, visto che questa crisi tocca l'intero continente".

Inoltre, per Castaldo, "è urgente riaffermare che i 750 miliardi di interventi annunciati dalla BCE rispondono solo alle prime necessità della crisi, devono essere un punto di partenza. Servono interventi illimitati e senza condizioni che rispondano alle esigenze di spesa e di investimento degli Stati membri, coniugati all'abolizione del criterio capital key, cioè l'acquisto di titoli in relazione alla grandezza del Paese, e all'abolizione del limite del 33% di acquisto di titoli di Stato in relazione alla quota BCE. Davanti a una emergenza globale come il Covid-19 i cittadini chiedono risposte adeguate per evitare una recessione senza precedenti, non distinguo e divisioni. Servono strumenti nuovi, così come politiche monetarie e di bilancio espansive. L'Unione Europea deve dimostrare di essere pienamente all'altezza della difficile sfida che stiamo affrontando. Il Coronavirus colpisce tutti i Paesi, non conosce frontiere: l'unico modo per rispondere alla minaccia è riscrivere le regole della governance economica europea all'insegna della solidarietà e del metodo comunitario".