Coronavirus, c'è un collegamento con i denti: la nuova scoperta

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Coronavirus, c'è un collegamento con i denti: la nuova scoperta (Getty Images)
Coronavirus, c'è un collegamento con i denti: la nuova scoperta (Getty Images)

Anche dalla salute dei denti è possibile prevedere la possibilità di ammalarsi gravemente di Covid-19. A dirlo è uno studio, pubblicato sul Journal of Oral Medicine & Dental Research, condotto dagli scienziati dell'Università di Birmingham, del Salisbury District Hospital, del Mouth-Body Research Institute, a Los Angeles.

Secondo i ricercatori, l'accumulo di placca dentale e l'infiammazione parodontale potrebbero intensificare il rischio che il virus raggiunga i polmoni e provochi un'infezione più acuta. Il virus, infatti, può raggiungere i polmoni dalla saliva, spostandosi dalla bocca al flusso sanguigno, specialmente nei soggetti che soffrono di malattie gengivali. I pazienti con parodontite potrebbero quindi correre un rischio più elevato di sperimentare una sintomatologia acuta.

GUARDA ANCHE - Covid, servirà la terza dose di vaccino?

Iain Chapple, docente di Parodontologia presso l'Università di Birmingham, ha affermato: "Questo modello può aiutarci a capire perché la malattia da nuovo coronavirus si manifesta in modo diverso nei vari pazienti. Questa prospettiva potrebbe cambiare il modo in cui gestiamo i casi di infezione, con trattamenti mirati al sistema dentale e orofaringeo”.

“Allo stesso tempo queste accortezze potrebbero diminuire la concentrazione del virus nella saliva – ha aggiunto Chapple – e mitigare lo sviluppo di malattie polmonari. Saranno necessari ulteriori studi per indagare su questo nuovo modello, e nel frattempo consigliamo a tutti di mantenere una buona igiene orale”.

Secondo gli esperti, in questo contesto, diventano indispensabili semplici misure di corretta igiene orale, come la pulizia accurata dei denti, l'uso di collutori specifici e del filo interdentale o gli sciacqui in acqua salata.

GUARDA ANCHE - Ecco come andremo in spiaggia: le regole dell’estate 2021