Coronavirus, Celentano: paura ma non come in anni di piombo

Cro/Mpd

Roma, 13 mar. (askanews) - "Ho paura, stiamo attraversando un momento storico, ma la paura è un atto di coraggio. Ad esempio, il coraggio di non uscire di casa. O di fare scelte appropriate da parte di chi ci comanda. L'Italia si sta comportando bene, mi preoccupano di più gli altri paesi" così Adriano Celentano, intervenendo telefonicamente a Otto e mezzo su La7.

"Ma è una paura non paragonabile alla paura degli anni di piombo" ha continuato il cantante, "perché è una paura globale e invisibile. Ma è giusto che l'abbiamo perché così capiamo prima quando i mezzi di comunicazione ci dicono di restare a casa. Perché ancora stamattina ho visto persone che stavano al parco, sembrava che brindassero al virus. Ma la paura bisogna anche prenderla con freddezza. Ho la sensazione che tutto questo sia una specie di avviso", ha concluso Celentano.