Coronavirus, Cgil Fvg: rimettere subito mano agli ammortizzatori

Fdm

Trieste, 26 feb. (askanews) - Da un lato l'ansia per l'emergenza sanitaria, dall'altro la preoccupazione per le sue ricadute sull'economia e sul mondo del lavoro. Ricadute già tangibili per i settori più immediatamente e più direttamente colpiti dopo l'arrivo del contagio in Italia: su tutti il commercio e il turismo, ma senza dimenticare i contraccolpi sul manifatturiero e su tutto il tessuto economico nazionale e regionale, che già percepiva gli effetti della forte frenata dell'economia mondiale e cinese in particolare. Questo lo stato d'animo con cui anche la Cgil del Friuli Venezia Giulia segue le notizie di cronaca e l'evolversi dell'emergenza sanitaria, ma con un occhio alle sue ricadute economiche e il timore che il rallentamento economico degli ultimi mesi possa trasformarsi in recessione. "La priorità è quella di contenere il contagio, fattore fondamentale per poter ridurre i numeri di casi gravi da fronteggiare e gli effetti sulla popolazione", commenta il segretario regionale Villiam Pezzetta. "Sono certo però che il nostro servizio sanitario pubblico - prosegue - sia in grado di affrontare e di vincere questa difficile sfida. Mi associo, a questo proposito, al grazie che il nostro sindacato del pubblico impiego ha rivolto a tutti i lavoratori del comparto, medici, infermieri, operatori socio-sanitari, tecnici, per la dedizione con cui continuano a lavorare in questi giorni di crisi, pur condividendo con tutti i cittadini le preoccupazioni per un'emergenza sanitaria che li vede esposti in prima linea". Il segretario regionale rilancia anche l'appello del sindacato Cgil delle comunicazioni e dello spettacolo, la Slc, preoccupata per la chiusura di cinema e teatri. "C'è il fondato timore- spiega Pezzetta - che l'emergenza coronavirus possa essere il colpo di grazia per un settore già messo in ginocchio, in particolare il teatro, dalla scarsità delle risorse erogate dal Fondo Unico dello spettacolo e spesso anche dallo scarso sostegno di Regioni e Comuni. Sacrosanta quindi la richiesta di aprire uno stato di crisi, con l'obiettivo prioritario di individuare misure specifiche sia per i lavoratori a tempo indeterminato che per quelli a termine e atipici. Al di là delle specificità settoriali e della necessità di provvedimenti immediati per i settori più immediatamente esposti, come il turismo, il commercio e gli spettacoli dal vivo, una delle più stringenti priorità - aggiunge il segretario - sarà quella di ridefinire le norme sugli ammortizzatori sociali, con misure volte a fronteggiare contraccolpi economici che potrebbero avere tempi ancora più lunghi rispetto a quelli dell'emergenza sanitaria". Una partita nazionale, ma sulla quale la Cgil sollecita il massimo impegno anche da parte della Regione: un appello in tal senso verrà rivolto all'assessore al lavoro Alessia Rosolen in occasione della seduta del tavolo di concertazione in programma domani.