Coronavirus: chi sono i due pazienti cinesi ricoverati allo Spallanzani

coronavirus cinesi spallanzani

Le condizioni dei due pazienti cinesi ricoverati all’ospedale Spallanzani di Roma per aver contratto il coronavirus sono ulteriormente peggiorate dopo il bollettino aggravato già diffuso martedì 4 febbraio 2020. Provenienti da Wuhan e giunti in Italia per un viaggio culturale, qui qualche dettaglio della loro vita privata.

Cinesi ricoverati allo Spallanzani per coronavirus

Lui ha 66 anni ed è un ingegnere bio-chimico mentre lei ne ha uno in più ed è una docente universitaria molto appassionata di arte. L’uomo ha pubblicato molti saggi importanti, noti nel mondo e tradotti anche in inglese. Insegna inoltre al South Central of University for Nationalities di Wuhan. La donna, studiosa di letteratura e poesia, in passato ha preso parte a diversi convegni internazionali.

Erano giunti nel Belpaese per visitare le bellezze italiane, complice sicuramente la passione di lei nei confronti dell’arte e della cultura. Avevano organizzato un tour insieme ad altri turisti cinesi, anch’essi attualmente ricoverati all’ospedale romano per precauzione. Ma a causa dell’infezione hanno fatto in tempo a visitare soltanto Verona, Parma e Firenze. Sebbene si trovassero a Roma al momento del malore, i due avevano affermato di non essere quasi mai usciti dalla loro stanza.

Dopo i primi giorni di ricovero in cui le loro condizioni erano rimaste stabili, ora, a causa del loro aggravarsi, sono entrambi in terapia intensiva. La figlia, che vive a Los Angeles, è partita dagli Stati Uniti per raggiungerli.