Coronavirus, Chiesa francese a credenti e non: una luce 25 marzo

Ska

Roma, 18 mar. (askanews) - I vescovi francesi invitano i cattolici e tutti i cittadini a esporre una candela la sera del prossimo 25 marzo come "segno di comunione di pensiero e di preghiera per le persone decedute" a causa del coronavirus, "per i malati e i loro famigliari, con tutti coloro impegnati a curarli e coloro che rendono possibile la vita nel nostro paese", scrive in una nota il presidente della conferenza episcopale d'Oltralpe, il vescovo di Reims Eric de Moulins-Beaufort.

I cattolici, scrivono i vescovi, daranno a questa iniziativa "un significato particolare a causa della solennità dell'Annunciazione, ma tutti possono unirvisi".

"Sarà anche l'espressione del nostro desiderio che l'uscita dall'epidemia ci trovi più determinati ai cambiamenti di modo di vita che sappiamo necessari da anni".

"Noi cattolici domanderemo al tempo stesso alla Vergine Maria di riempire i nostri cuori di fede, di speranza e di carità in questi tempi e di ottenerci la grazia dello Spirito santo affinché possiamo saper trovare i gesti necessari".