Coronavirus, chiusa l'area dei pazienti positivi all'ospedale di Codogno

·1 minuto per la lettura
Chiusa area covid al Codogno
Chiusa area covid al Codogno

É stata chiusa l’area Covid all’ospedale di Codogno, proprio lì dove tutto è iniziato, proprio lì dove ci fu il primo paziente in Italia che aveva contratto il Coronavirus. Oggi, 4 giugno 2021, invece l’ultimo paziente è stato dimesso, ormai guarito dal virus.

Codogno, chiusa l’area Covid: dimesso l’ultimo paziente

La bellissima notizia è stata annunciata, insieme alla Asst di Lodi, da Francesco Tursi, responsabile del servizio di Pneumologia e referente dell'”Area Gialla Covid” del nosocomio della cittadina tra Lodi e Piacenza:

È un giorno che vivo con profonda emozione. Ringrazio tutti gli infermieri uno ad uno che si sono spesi senza risparmiarsi, mettendo a rischio anche la propria vita per il bene dei nostri concittadini”.

Codogno, chiusa l’area Covid: parla il dottor. Francesco Tursi

Nella lettera, indirizzata al direttore generale Salvatore Di Gioia, non sono mancati anche i ringraziamenti ai giovani medici che con coraggio hanno combattuto fin dall’inizio questa battaglia, ad ausiliari, Oss, addette alle pulizie, ed ai fisioterapisti. Lo sguardo si sposta poi anche sui pazienti, coloro che hanno condiviso uno dei periodi più bui della loro vita chiusi in ospedale con i dottori:

Spero che tutti noi siamo stati in grado di essere all’altezza delle vostre aspettative. Posso solo dirvi che noi dell’Area covid di Codogno ce l’abbiamo messa tutta. Grazie per le numerose testimonianze di affetto nei nostri confronti che ci hanno commosso e gratificato. Nulla è stato pari al volto anche solo di un paziente che avevamo aiutato a guarire, vedere nei suoi occhi battere la vita. Risalire alla vita, come lentamente tutti stiamo facendo ai margini di un momento che verrà ricordato nei libri di storia. Sono stati per me i mesi più intensi della mia vita e voi l’avete resi memorabili nel mio cuore e nella mia mente”.

Codogno, chiusa l’area Covid: è la luce in fondo al tunnel?

Insomma, una notizia che riempie il cuore di tutti di gioia e di speranza: è sempre più evidente, infatti, che la campagna vaccinale stia mostrando la sua efficacia in Italia. I casi sono sempre più in diminuzione e c’è un importante calo dei ricoveri. Non a caso a Codogno l’ultimo paziente è stato dimesso.

È evidente, tuttavia, che non bisogna ancora abbassare la guardia: è necessario continuare ad essere vigili, affinchè si possa proseguire la strada intrapresa che sembra ci stia portando all’uscita di questo incubo che viviamo da quasi due anni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli