Coronavirus, chiusi parrucchieri e barbieri in Campania

coronavirus parrucchieri campania

Coronavirus, guarda la mappa in tempo reale

Dopo l’entrata in vigore del nuovo decreto per rendere tutta l’Italia zona rossa, alcune regioni hanno preso provvedimenti autonomi per garantire ancora più efficacia alle misure di contenimento del coronavirus.

Coronavirus, chiusi parrucchieri in Campania

La Campania, a un giorno dal nuovo decreto, ha adottato una misura preventiva in più per fermare il coronavirus. Un’ordinanza, firmata dal presidente della Regione Vincenzo De Luca, prevede la chiusura di tutti i parrucchieri, barbieri e centri estetici. Fino al 3 Aprile, quindi, anche questa categoria di lavoratori rimarrà ferma, nonostante la chiusura non era prevista nel DPCM. Ma il presidente delle Regione Campania ha voluto adottare questa misura in più per contenere il più possibile la diffusione del Covid-19. Nell’ordinanza si legge: “Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, con propria ordinanza “visto il Dpcm 9 marzo 2020, recante Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020 n.6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID 19 – ha disposto con decorrenza immediata e fino al 3 aprile 2020, la chiusura degli esercizi pubblici di barbiere, parrucchiere, centri estetici”. Chi resta aperto rischia l’arresto fino a tre mesi o una multa fino a 206 euro.

Coronavirus, l’assalto ai supermercati

Dopo la notizia dell’estensione della zona rossa a tutta Italia, anche a Napoli gli abitanti si sono affollati nei supermercati, violando il divieto di assembramento. Il presidente della Regione Campania ha rassicurato che i negozi di alimentari continueranno a restare aperti. “Dalle limitazioni del governo sono esclusi i trasportatori alimentari” ha confermato Vincenzo De Luca. E poi ci ha anche scherzato su: “In questi giorni magari mangiamo di meno, siamo tutti in sovrappeso e cogliamo l’occasione per rimetterci in linea”.