Coronavirus, a Cicognara muore Simone: “Era sano come un pesce”

coronavirus a cicognara

Coronavirus, a Cicognara muore Simone Marani. L’uomo, di appena 50 anni, era originario del paesino del mantovano famoso per i pennelli Cinghiale. Il saluto commosso di chi lo conosceva: “Si prendeva cura della mamma. Era sano come un pesce”.

Coronavirus, a Cicognara la prima vittima

L’emergenza coronavirus è arrivata anche a Cicognara. Simone Marani, conosciuto da tutti nel paesino“era sano come un pesce” e – come fanno sapere dall’Unità Pastorale Beata Vergine delle Grazie“viveva proprio con la sua mamma e si prendeva cura di lei, dopo che ella stessa era rimasta vedova alcuni anni fa. Non aveva alcuna malattia o disfunzione, andava in palestra e curava la sua alimentazione in maniera precisa”. Il suo nome si aggiunge alla lista delle vittime da coronavirus.

Morto dopo una settimana di febbre

Sempre all’interno del messaggio dell’Unità Pastorale pubblicato sui social, si apprende che l’uomo, non solo non ha mai avuto problemi di salute, ma si allenava e conduceva una vita regolare. Eppure le sue condizioni si sono aggravate in pochissimo tempo: “Una settimana di febbre, 3 giorni all’ospedale e via. Ha voluto fare una chiamata alla sua mamma prima di essere intubato, per salutarla”. Simone Marani, lascia sua mamma, suo fratello, una sorella ed una fidanzata. A causa del decreto restrittivo del governo non potrà essere celebrata la cerimonia funebre. Lo stesso vale per la Camera Ardente ed anche per un Rosario. Non è stata fissata nemmeno la data della sepoltura. Dalla Chiesa fanno sapere, però, che appena sarà possibile verrà effettuata una celebrazione in sua memoria.