Coronavirus in Cina: crollato un hotel disposto per la quarantena

Coronavirus cina hotel crollato

Un hotel che in Cina ospitava persone in quarantena per il coronavirus è crollato e si è ridotto ad un cumulo di macerie. Le operazioni di soccorso per le 70 persone intrappolate sono in corso: 23 sono state estratte vive.

Coronavirus in Cina: crollato hotel per la quarantena

Si tratta in particolare di una struttura ricettiva di Quanzhou, nella provincia cinese di Fujan. Il crollo, avvenuto per cause in via di accertamento, si è verificato intorno alle 19:00 ora locale di sabato 7 marzo 2020. Inizialmente il numero di persone presente all’interno non era certo, ma da informazioni successive si stima che questo sia pari a 70.

Immediata la chiamata e l’arrivo sul posto dei soccorritori, che si stanno adoperando per estrarre i cittadini rimastivi intrappolati. Dopo poco tempo ne avevano estratti salvi 16, e intorno alle 21:00 il numero delle persone soccorse è salito a 23.

L’hotel faceva parte del gruppo di edifici messi a disposizione per l’isolamento di quattordici giorni previsto o per chi è positivo ai test ma senza bisogno di cure ospedaliere o per chi è entrato a contatto con un infetto. Non si conoscono al momento quanti appartenenti al primo o al secondo gruppo erano presenti nella struttura al momento del crollo.

La notizia è stata data da People’s Daily che sul proprio account Twitter ufficiale ha condiviso anche un video che mostra le operazioni di soccorso e le macerie rimaste.