Coronavirus, Cisl Lombardia: in regione 10mila lavoratori fermi

Red-Mch

Milano, 5 mar. (askanews) - Sono oltre 10mila i lavoratori fermi in Regione Lombardia a causa degli effetti del Coronavirus sull'economia. E' quanto emerge da un primo monitoraggio a cura del dipartimento Mercato del Lavoro della Cisl Lombardia che ha analizzato l'impatto del virus sul mondo del lavoro, non solo all'interno della zona rossa del Lodigiano.

"L'impatto sul sistema produttivo lombardo rischia di aggravarsi - ha detto Mirko Dolzadelli, segretario regionale con delega al Mercato del lavoro - Sono particolarmente colpiti il turismo, il commercio, la logistica, i trasporti, la manifattura e ovviamente i servizi scolastici, formativi e in generale i servizi".

Secondo il sindacalista, "le ricadute, se non affrontate in modo deciso e tempestivo saranno pesanti sull'intero sistema economico. Continua quindi il nostro impegno nel sostenere le misure condivise con Regione Lombardia nei giorni scorsi", ha chiosato.