Coronavirus, code a supermercati, mascherine introvabili a Milano

Coronavirus, code a supermercati, mascherine introvabili a Milano

Milano, 9 mar. (askanews) – Milano si mette alla prova e sperimenta la difficoltà di vivere all’interno di una gigantesca zona rossa, che comprende anche un’altra città con divieti di

movimento, nessun evento, musei chiusi. Restano aperti supermercati e negozi, ma gli ingressi sono contingentati, ci si mette in fila per far la spesa e sono davvero tanti quelli che hanno dovuto attendere dai 10 ai 15 minuti per poter entrare a comprare beni di prima necessità, ma non ci sono stati gli assalti della prima giornata di panico.

Sugli scaffali sono introvabili mascherine e amuchina, così come nelle farmacie che espongono un cartello per respingere i molti milanesi a caccia dei sistemi di protezione e disinfettanti. Poca gente per la strada e tanta incertezza su come comportarsi, e adeguarsi a questo nuovo stile di vita imposto dall’emergenza coronavirus.