Coronavirus: Coldiretti, 3 mln al lavoro per garantire cibo -2-

Cam

Roma, 15 mar. (askanews) - Nonostante le difficoltà si sono moltiplicate anche le iniziative di solidarietà per garantire la consegna della spesa direttamente a domicilio nelle case soprattutto a favore di quanti anziani o contagiati non possono uscire dalle proprie abitazioni. Si è infatti registrato un aumento dell'11% degli italiani che hanno fatto la spesa on line e del 7% di quanti che hanno chiesto consegna a domicilio, secondo Coldiretti/Ixe' Nelle due settimane successive si è verificato un boom degli acquisti al dettaglio con aperture anche nei giorni festivi e aumenti a due cifre per gli alimenti essenziali, con lunghe file davanti a negozi, supermercati, discount e mercati degli agricoltori che hanno in molti casi costretto addirittura ad intervenire le forze dell'ordine.

La scelta - sottolinea la Coldiretti - è stata quella di privilegiare alimenti semplici alla base della dieta mediterranea con una grande attenzione pero' alla conservabilità che ha favorito gli acquisti di prodotti in scatola. Se la farina con un balzo dell'80% rispetto alla media del periodo è stata il prodotto piu' acquistato sul podio salgono anche - precisa la Coldiretti - carne in scatola con un aumento del 60% e i legumi in scatola con un balzo del 55%. A finire nel carrello della spesa degli italiani sono stati soprattutto nell'ordine - continua la Coldiretti - la pasta con un +51% e il riso con un +39% ma si registra una crescita del 39% anche per le conserve di pomodoro mentre le vendite dello zucchero salgono del 28%, quelle dell'olio da olive del +22%, il pesce surgelato del 21% e il latte Uht del 20%, nel periodo dal 24 febbraio all'8 marzo, sulla base delle vendite del mondo Coop.(Segue)