Coronavirus, Coldiretti:crack da 1,5mld,fiori italiani in... -3-

Red/Gca

Roma, 27 giu. (askanews) - Nel comparto - rileva la Coldiretti - sono coinvolte 27mila imprese con circa 200mila posti di lavoro che ora si trovano in gravissime difficolt. Il settore - secondo la Coldiretti - ha bisogno di misure urgenti per dare liquidit alle aziende senza la quale non potranno essere avviati nuovi cicli colturali per la ripresa delle attivit commerciali normali che si stima, visto il decorso dell'emergenza sanitaria e la stagionalit del settore, non avverr prima di settembre.

Per salvare imprese e posti di lavoro sono necessari interventi urgenti e concreti su tutte le scadenze, fiscali e non, per la gestione dei dipendenti e l'accesso agli ammortizzatori sociali. La Coldiretti ha chiesto indennizzi a fondo perduto per coprire i danni subiti dalle imprese e garantire la liquidit necessaria a ripartire con i nuovi cicli produttivi, esonerando il settore dal pagamento di imposte e tasse e dei contributi previdenziali e assistenziali per il 2020. Inoltre - evidenzia Coldiretti - vanno potenziate e allargate le misure previste per il Bonus Verde, oltre a rilanciare le esportazioni attraverso una adeguata attivit diplomatica per la rimozione dei blocchi fitosanitari che - sottolinea la Coldiretti - ancora sussistono per le produzioni vivaistiche italiane in alcuni paesi. Per aprire nuovi mercati - conclude Coldiretti - va finanziata la promozione del settore e dei consumi nazionali ed esteri per un vero rilancio di piante e fiori Made in Italy.