Coronavirus, Coldiretti Veneto: non si sprechi un litro di latte

(Segue)

Venezia, 16 mar. (askanews) - "Uscire da questa emergenza è obiettivo di tutti, anche potendo dire un domani, che nessun litro di latte è stato sprecato e neppure una stalla o caseificio sono stati chiusi. Servono misure straordinarie perché ciò che sta accadendo è fuori dalla normalità". Da il saldo del pregresso Psr 2019 e l'anticipo Pac per dare liquidità alle aziende, al confronto diretto con la GDO per privilegiare la produzione veneta e italiana sugli scaffali dei supermercati fino al coinvolgimento degli enti no profit a livello regionale, sono alcuni dei punti strategici che Coldiretti Veneto ha sottoposto al tavolo di crisi della filiera lattiero casearia convocato dall'Assessore regionale all'agricoltura Giuseppe Pan.

Durante la riunione in video conferenza Coldiretti Veneto ha presentato il quadro della situazione evidenziando problematiche sia economiche che sociali che richiedono l'intervento sia l'intervento dello Stato che della Regione. "Tra le 3mila le aziende zootecniche che producono 12 milioni di quintali di latte la preoccupazione in questi giorni è palpabile - sostiene Coldiretti - la paralisi del turismo, il blocco dei locali pubblici, la chiusura delle mense scolastiche per le misure imposte dalle ordinanze ha messo il comparto in sofferenza. La situazione era già cronica - spiega Coldiretti Veneto - a causa della contrazione del fatturato per una domanda rigida e la sostituzione di quote di mercato. A questo si aggiungono fenomeni speculativi con lettere recapitate agli imprenditori che annunciano variazioni di prezzo e minacce di mancato ritiro del prodotto fresco motivate dalla serrata di ristoranti, bar, pizzerie.