Coronavirus, Coldiretti Veneto: svelare importatori latte estero

Bnz

Venezia, 25 mar. (askanews) - Coldiretti Veneto esprime soddisfazione per la decisione assunta dall'Assessore regionale all'agricoltura di scrivere al Ministero della Sanità per chiedere i dati inerenti i flussi in entrata di latte dall'estero con i relativi destinatari in Veneto.

"Bisogna mettere in atto tutte le azioni per accedere ai dati e ai nominativi delle industrie di trasformazione che in piena emergenza da coronavirus continuano ad importare dall'estero latte e cagliate - commenta il presidente Daniele Salvagno - e annunciano riduzioni di prezzo del latte alla stalla dei nostri allevatori con la scusa della sovrapproduzione, mettendo in ginocchio la zootecnia veneta":

"Tutti i trasformatori che continuano con questi comportamenti - denuncia il Presidente di Coldiretti Veneto - non sono amici degli agricoltori veneti".

"Garantire la trasparenza è un atto dovuto verso più di 3mila aziende zootecniche che lavorano 12milioni di quintali l'anno. Lo è anche per i consumatori - spiega Coldiretti Veneto - che in questo momento drammatico devono conoscere l'origine dei prodotti".

Coldiretti ricorda che ogni giorno 5,7 milioni di litri di latte straniero attraversano le frontiere e invadono l'Italia con cisterna o cagliate congelate low cost di dubbia qualità. Bisogna fermare qualsiasi tentativo di speculazione sui generi alimentari di prima necessità come il latte che - sottolinea la Coldiretti - nell'ultima settimana di rilevazione sui consumi ha registrato un balzo del 47% degli acquisti da parte delle famiglie, sulla base dei dati IRI che evidenziano anche l'aumento degli acquisti di formaggi, dalla mozzarella (+35%) al Grana Padano e Parmigiano Reggiano (+38%).