Coronavirus, Comunità ebraica sospende a Roma le cerimonie

Gci/

Roma, 10 mar. (askanews) - "In ottemperanza alle disposizioni del Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri dell'8 marzo 2020 e quello successivo del 9 marzo 2020, la Comunità Ebraica di Roma comunica la sospensione delle cerimonie religiose all'interno delle sinagoghe di Roma". Dopo la Chiesa cattolica, anche la comunità ebraica romana si adegua alle norme anti-diffusione del coronavirus. Ad annunciarlo, Ruth Dureghello, presidente della Comunità Ebraica di Roma

"Nonostante la tradizione ebraica preveda obbligatoriamente la riunione di almeno dieci uomini per svolgere la preghiera è necessario in questo momento rispettare le regole imposte dalle autorità per evitare la diffusione del nuovo Coronavirus. - afferma la Dureghello - In queste ore di sofferenza e difficoltà per tanti italiani vogliamo esprimere il nostro più sentito ringraziamento al personale medico sanitario che si sta adoperando oltremisura. Rinnoviamo l'invito a rispettare le norme di precauzioni sanitarie e a rispettare le disposizioni vigenti. Serve uno sforzo corale e grande responsabilità per combattere l'epidemia. La nostra vicinanza va alle famiglie che hanno perso i propri cari e ai tanti colpiti dal virus".