Coronavirus, Confeuro: agricoltori a fianco medici di base

(Segue)

Roma, 16 mar. (askanews) - C'è un'Italia che non si ferma in questi giorni di emergenza nazionale. Al fianco dei medici impegnati in prima linea per la cura dei pazienti colpiti dal coronavirus, ci sono i lavoratori del settore agricolo che continuano a lavorare per sostenere il Paese, assicurando le indispensabili forniture di beni alimentari alla popolazione. Lo spiega in una nota Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro, la confederazione degli agricoltori europei.

"La cura dei campi richiede in questa fase forte impegno e volontà, perché in seguito alla chiusura delle frontiere e al diffuso allarme sono circa 370mila i braccianti stranieri che mancano all'appello", continua Tiso. La loro assenza genera un'ulteriore emergenza, in quanto la manodopera estera garantisce quasi un terzo delle ore lavoro.