Coronavirus, Conte e von der Leyen: misure adeguate immediate

Loc

Bruxelles, 11 mar. (askanews) - Contro la crisi globale ed europea del Coronavirus serve una rapida risposta "forte e coordinata e solidale" da parte dell'Ue. Lo hanno affermato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e la presidente della Commissione Ursula von der Leyen termine di un colloquio in teleconferenza questo pomeriggio, a poche ore dalla riunione straordinaria di ieri sera, anch'essa in videoconferenza, del Consiglio europeo, dedicata al coronavirus.

Secondo un comunicato congiunto emesso alla fine del colloquio, i due leader hanno convenuto che "l'Italia è attualmente in prima linea nella battaglia per contenere la diffusione del virus in Europa e deve affrontare conseguenze sanitarie, sociali ed economiche immediate", e hanno sottolineato che "le azioni intraprese da ogni stato membro hanno un impatto sul resto dell'Ue".

La presidente von der Leyen "ha espresso apprezzamento per gli sforzi intrapresi dal governo italiano, e ha riconosciuto l'onere sociale ed economico che l'attuale crisi impone alla popolazione". I due leader, inoltre, "hanno convenuto che dall'esperienza maturata in Italia devono essere tratte delle lezioni per aiutare a guidare le politiche europee".

Il presidente Conte, da parte sua, ha "accolto con favore l'impegno della presidente della Commissione europea ad agire ora, con misure adeguate e senza esitazione".

I due leader, prosegue il comunicato, "si sono scambiati opinioni sui risultati della teleconferenza del Consiglio europeo di ieri e sugli orientamenti che la Commissione adotterà entro la fine della settimana, che riguarderanno in particolare le modalità per applicare la flessibilità nel contesto del Patto di stabilità e di crescita e nella concessione di aiuti di Stato" alle imprese.

In più, Conte e von der Leyen hanno sottolineato "l'importanza di agire rapidamente" per "la condivisione di tutte le informazioni pertinenti relative alla diffusione del virus e delle misure adottate; la creazione di un team specializzato di scienziati a livello dell'Ue, che contribuirà a coordinare gli sforzi e ad armonizzare gli interventi; il rafforzamento degli sforzi in materia di ricerca; il coordinamento della produzione e della distribuzione di attrezzature mediche e prodotti farmaceutici, chiedendo che qualsiasi misura restrittiva da parte degli Stati membri sia discussa innanzitutto a livello europeo". Questo per fare in modo "che gli approvvigionamenti vitali vadano dove sono maggiormente necessari, che il mercato interno funzioni correttamente e che qualsiasi ostacolo ingiustificato sia evitato".

Il presidente Conte "ha accolto con favore l'atteggiamento positivo della Commissione, e la sua intenzione di utilizzare tutti gli strumenti disponibili per affrontare le conseguenze economiche della crisi del Coronavirus. Ha inoltre espresso apprezzamento per la disponibilità della Commissione a esaminare le richieste italiane con un approccio aperto e costruttivo".

La Commissione, da parte sua, "ha confermato che la flessibilità prevista dal Patto di stabilità e di crescita sarà pienamente utilizzata. Sarà inoltre applicato il regime di aiuti di Stato per circostanze eccezionali". Von der Leyen, infine, ha annunciato "l'istituzione di un'iniziativa dedicata per la liquidità degli investimenti", chiamata "Corona response investment initiative" da 25 miliardi di euro. I dettagli tecnici relativi al finanziamento e al funzionamento generale di questa iniziativa "saranno chiariti entro la fine di questa settimana", conclude il comunicato congiunto.