Coronavirus, Conte: "Il Paese non può permettersi scioperi"

webinfo@adnkronos.com

"Mi auguro che non ci siano scioperi di sorta, il Paese non se lo può permettere, questo vale anche per i benzinai". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. A chi domanda se, in caso di sciopero, si arriverà a una precettazione, il premier ha risposto: "Sono convinto che non arriveremo a questo, ho visto anche nel mondo sindacale un grande senso di responsabilità. Fermo restando che dobbiamo assicurare la sicurezza nei luoghi di lavoro e tutelare la salute anche dei lavoratori".  

"Detto questo -ha proseguito-, per quanto riguarda in particolare i fornitori di carburante la ministra De Micheli adotterà un'ordinanza che potrà regolamentare l'orario di apertura per assicurare rifornimento in tutta la penisola. La filiera alimentare sarà assolutamente garantita e posso garantire che sarà assicurato il rifornimento di carburante".  

"Non ritengo che sarà necessario -ha ripetuto Conte- ma è chiaro che in questo momento dobbiamo presidiare in tutti i modi le attività ritenute essenziali ai fini del funzionamento della macchina statale che già sta marciando a motori rallentati".