Coronavirus, Conte: nessuno strumento attuale della Ue è idoneo

Rea

Roma, 25 mar. (askanews) - Servono "strumenti di debito comune" perchè "ad oggi nessuno degli strumenti tradizionalmente disponibili, progettati durante precedenti episodi di crisi che avevano altra natura, possa costituire un veicolo idoneo a costituire quella coraggiosa risposta economica alla pandemia che i cittadini aspettano". Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, nella sua informativa alla Camera.

E siccome "nessuno" degli strumenti attuali della Ue è idoneo, "l'Italia sta lavorando alla creazione di strumento di debito comuni dell'Eurozona che possano finanziare gli sforzi dei governi e costituire la linea di difesa necessaria". Conte ha quindi ricordato "l'iniziativa presto e subito condivisa da altri 8 Stati membri dell'Unione", concretizzatasi in una lettera al presidente del Consiglio Ue Charles Michel "per ribadire che l'epidemia sta causando uno shock senza precedenti, uno tsunami che richiede misure senza precedenti per contenere la diffusione del virus e rafforzare i sistemi sanitari dei singoli Paesi".