Coronavirus: Conte, 'rafforzeremo medicina territoriale ma è difficile invertire rotta'

·1 minuto per la lettura
Coronavirus: Conte, 'rafforzeremo medicina territoriale ma è difficile invertire rotta'
Coronavirus: Conte, 'rafforzeremo medicina territoriale ma è difficile invertire rotta'

Roma, 13 nov. (Adnkronos) – "Su eventuali errori o manchevolezze" nel fronteggiare l'emergenza Covid "c'è anche una scarsa incisività su lato della medicina territoriale, ma dobbiamo anche riconoscere che venivamo da scelte diverse, portate avanti negli anni, ed è difficile invertire una tendenza in piena emergenza. Sappiamo che dobbiamo rafforzare la medicina territoriale, con il ministro Speranza ci diciamo che è un errore che non può essere ripetuto e che occorre rilanciarne e rafforzarne il ruolo". Lo afferma il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in videocollegamento all'evento 'Futura: lavoro, ambiente, innovazione', dialogando con il segretario Generale della Cgil, Maurizio Landini.

"Un segnale – rivendica il premier – lo stiamo dando. Rinnovando i contratti dei medici di medicina generale e dei pediatri di pubblica scelta abbiamo previsto 30 mln in più per coinvolgerli nell'emergenza. Stiamo soffrendo, è chiaro, quando c'è un positivo spesso, non essendoci un rapporto col medico di base, si va subito in ospedale e a quel punto si grave sulla struttura ospedaliera con positivi che potrebbero essere trattati a casa dai medici. Ma è una tendenza", quella di investire poco sulla medicina del territorio, "che è andata avanti per anni, ora è difficile invertire la rotta".