Coronavirus, Conte rassicura: “I benzinai rimarranno aperti”

coronavirus conte benzinai aperti

Durante la conferenza stampa che ha tenuto per esporre il nuovo decreto sulla sanzioni per chi non rispetta le norme anti coronavirus, Giuseppe Conte ci ha tenuto a rassicurare gli italiani sul fatto che i benzinai rimarranno aperti. Poche ore prima una nota congiunta di Faib, Fegica e Figisic/Anisa aveva annunciato che “gli impianti di rifornimento carburanti semplicemente cominceranno a chiudere. Da mercoledì notte quelli della rete autostradale, compresi raccordi e tangenziali e, via via, tutti gli altri anche lungo la viabilità ordinaria“.

Coronavirus, Conte: “Benzinai aperti”

Una decisione che al Premier non è piaciuta, tanto che ha spiegato che in breve tempo emanerà un’ordinanza per venire incontro alle esigenze dei benzinai. Augurandosi che non ci sia uno sciopero, ha assicurato che il rifornimento di benzina e generi di prima necessità sarà garantito per tutta la durata dell’epidemia. Queste le sue parole. “Posso assicurare che la filiera alimentare verrà garantita, così come il rifornimento di carburante“.

Dopo aver fatto leva sul senso di responsabilità visto nel mondo sindacale, ha spiegato come farà in modo che le sigle che hanno indetto lo sciopero lo revochino. Il ministro dei Trasporti Paola De Micheli adotterà un’ordinanza che consentirà di regolamentare l’orario di apertura. “In questo modo si assicurerà il rifornimento di carburante in tutta la penisola e si verrà incontro ad alcune istanze“. Ha infine ribadito che l’interesse primario in questo momento è quello di presidiare le attività essenziali.

Nessuna risposta per il momento da parte dei benzinai, la cui lamentela per scioperare era legata alla mancanza di sostegno economico e precauzioni sanitarie efficaci.