Coronavirus, Conte a Ue: confini restino aperti per scambio beni

Afe

Roma, 25 mar. (askanews) - "Mentre attuiamo misure socio-economiche senza precedenti, che impongono un rallentamento dell'attività economica mai sperimentato prima, abbiamo comunque bisogno di garantire la produzione e la distribuzione di beni e servizi essenziali, e la libera circolazione di dispositivi medici vitali all'interno dell'Ue. Preservare il funzionamento del mercato unico è fondamentale per fornire a tutti i cittadini europei la migliore assistenza possibile e la più ampia garanzia che non ci saranno carenze di alcun tipo". Lo scrive il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, nella lettera indirizzata al presidente del Consiglio europeo Charles Michel e sottoscritta dai leader di altri 8 Paesi.

"Siamo pertanto impegnati - si legge nella lettera - a tenere i nostri confini interni aperti al necessario scambio di beni, di informazioni e agli spostamenti essenziali dei nostri cittadini, in particolare quelli dei lavoratori transfrontalieri. Abbiamo anche bisogno di assicurare che le principali catene di valore possano funzionare appieno all'interno dei confini dell'UE e che nessuna produzione strategica sia preda di acquisizioni ostili in questa fase di difficoltà economica. I nostri sforzi saranno prioritariamente indirizzati a garantire la produzione e la distribuzione delle attrezzature mediche e dei dispositivi di protezione fondamentali, per renderli disponibili, a prezzi accessibili e in maniera tempestiva a chi ne ha maggiore necessità".