Coronavirus: controllati 62mila passeggeri in aeroporti italiani

Cro-Mpd

Trento, 6 feb. (askanews) - Ultimi aggiornamenti sul Coronavirus questo pomeriggio con una videoconferenza da Roma a cui hanno partecipato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il Ministro della Salute Roberto Speranza. In Trentino, dalla sala di Piena di via Vannetti, hanno seguito i lavori il Presidente della Provincia autonoma di Trento e l'Assessore alle Politiche sociali e alla Salute, assieme ai dirigenti dell'amministrazione Giancarlo Ruscitti e Gianfranco Cesarini Sforza. Il Governo ha riferito che 62.000 passeggeri in arrivo negli aeroporti italiani, per complessivi 521 voli, sono stati sottoposti a controlli, da parte di uno staff di 314 volontari medico-sanitari. Controllati anche i porti, mentre i cittadini cinesi presenti nel nostro paese stanno rientrando in Cina con voli speciali."La linea dell'Italia - ha detto il premier Conte - è improntata a tre criteri: massima precauzione, massima flessibilità e massima trasparenza".

Il presidente della Provincia autonoma di Trento, unico Governatore intervenuto alla videoconferenza assieme a quello del Friuli Venezia Giulia, ha comunicato a sua volta le disposizioni assunte in questi giorni in Trentino. "Abbiamo chiesto a chi rientra dalla Cina di trascorrere in osservazione un periodo di due settimane in un luogo isolato e abbiamo ricevuto la massima collaborazione. Abbiamo avanzato questa richiesta in particolare agli studenti cinesi, in arrivo nella nostra università e nei centri di ricerca, e tutti hanno accettato".

(Segue)