Coronavirus, italiano infetto sulla Diamond Princess: caos in Cambogia

Prosegue il monitoraggio e la quarantena al largo di Yokohama per la Diamond Princess, la nave da crociera bloccata in mare a causa dell’accertamento di oltre 500 contagiati da coronavirus. Tra questi, secondo quanto riportato da Ansa, ci sarebbe anche uno dei 35 italiani a bordo.

La positività del passeggero italiano, sottolinea il Dipartimento della Protezione Civile, è emersa al termine degli esami sanitari che sono stati effettuati a bordo della nave.

Continuano, intanto, le attività per far rientrare gli altri italiani a bordo della nave da crociera. Anche oggi il Comitato operativo della Protezione Civile si è riunito presieduto dal Commissario Angelo Borrelli, in stretto contatto con i ministeri degli Esteri, della Salute e della Difesa, con l'obiettivo di assicurare il tempestivo rientro di tutti i nostri connazionali, ovviamente garantendo tutte le procedure di sicurezza necessarie.

Caos Cambogia, sbarcati senza controlli

Intanto è caos intorno alla nave da crociera americana Westerdam, della compagnia Holland America che fa parte dello stesso gruppo Carnival che possiede la Diamond Princess. Stando a quanto riportato da Ansa, dopo giorni di rifiuto allo sbarco da parte di cinque paesi dell’Asia tra cui Giappone e Thailandia, la nave ha attraccato qualche giorno fa in Cambogia facendo sbarcare oltre mille passeggeri senza test preventivi sul coronavirus o quarantena. Tra gli sbarcati anche 5 italiani, di cui due italo-brasiliani. A bordo della nave, però c'era almeno una persona, una 83enne americana, positiva al coronavirus.

La Cambogia aveva autorizzato la nave ad attraccare nella città portuale di Sihanoukville venerdì, dopo avere ricevuto il rifiuto di altri Paesi per timore che a bordo ci fosse il coronavirus. Gli oltre mille passeggeri e membri dell'equipaggio sono stati fatti sbarcare a partire da venerdì scorso, con la Cambogia che ha effettuato controlli sanitari sui passeggeri e li ha autorizzati a rientrare nei rispettivi Paesi.

GUARDA ANCHE - Diamond Princess, nave in quarantena

La donna degli Stati Uniti poi risultata infetta, tra i primi a sbarcare dalla nave, si era spostata in Malesia dove ha poi sviluppato i sintomi della malattia ed è risultata positiva al virus a un controllo sanitario.

Dopo la notizia della donna contagiata le autorità cambogiane e l'armatore della Westerdam si sono messi sulle tracce dei passeggeri sbarcati. Alcuni sono stati rintracciati nella capitale Phnom Penh e sottoposti al test sul coronavirus, ma altri avrebbero già lasciato la Cambogia, imbarcati su voli commerciali per rientrare nei rispettivi Paesi. Almeno 145 di questi sono passati per la Malesia, dove l'83enne americana è stata trovata positiva.

Sanremo, un italiano in isolamento volontario

Come riferito da Ansa, che cita il ministero della Salute, i 5 italiani sono stati individuati e sottoposti a controllo. Dei cinque italiani a bordo, uno è rientrato in Italia, precisamente a Sanremo, ed è monitorato costantemente dalle autorità sanitarie locali. Non presenta sintomi ed è in isolamento domiciliare volontario. Sarà sottoposto alle misure di sorveglianza sanitaria previste dal protocollo implementato da Regione Liguria.

Un altro è rientrato in Germania, senza sintomi. È in isolamento volontario domiciliare, monitorato. Nella stessa condizione il terzo italiano rientrato dalla Cambogia direttamente in Slovacchia. Gli ultimi due, italo-brasiliani, sono ancora a bordo.

GUARDA ANCHE - Coronavirus, le 5 fake news più diffuse