Coronavirus, Coop: spesa a casa nell'80% dei comuni toscani -2-

(Segue)

Roma, 20 mar. (askanews) - Il Protocollo si articola in semplici linee guida di volta in volta adattabili alle singole realtà locali: in Toscana, ad esempio, nelle sette province dove opera Unicoop Firenze, la consegna della spesa a domicilio per le persone in difficoltà è partita la scorsa settimana, grazie ad un protocollo sottoscritto su base locale, in collaborazione con la Regione Toscana. I destinatari del servizio, a cui le organizzazione di volontariato portano la spesa, vengono individuati dai Comuni. La Cooperativa, insieme alle altre realtà commerciali sul territorio, riesce a coprire la quasi totalità del territorio. Unicoop Firenze, infatti, insieme alle organizzazioni di volontariato che raccolgono gli ordini di spesa e concordano con i punti vendita le modalità con cui eseguirle, può soddisfare le richieste dell'80% dei Comuni dove opera. In media vengono preparate e consegnate ogni giorno circa mille spese. Per richiedere il servizio è necessario rivolgersi al Centro di Coordinamento Operativo del Comune o al Comune stesso.

Inoltre COOP mette a disposizione della Protezione Civile il know how commerciale della sua filiale di Hong Kong e per questa via dona agli ospedali un primo ingente quantitativo di dispositivi medici che arriveranno la prossima settimana.