Coronavirus, Corea del Sud, leader setta accusati di omicidio

Bea

Roma, 1 mar. (askanews) - I leader di una setta religiosa sudcoreana sono indagati per omicidio per alcune delle morti cauate dal coronavirus. L'amministrazione locale della capitale Seoul ha chiesto ala procura di incriminare Lee Man-hee, fondatore della chiesa Shincheonji, e altre 11 persone, tutti accusati di aver nascosto i nomi del fedeli della setta ai funzionari che cercavano di rintracciarli per fermare la diffusione del contagio. (Segue)