Coronavirus, da American Airlines stop a voli su Milano fino ad aprile

coronavirus-american-airlines

È di queste ore la decisione della compagnia aerea statunitense American Airlines di disporre la sospensione di tutti i voli da e per Milano a causa dell’emergenza coronavirus. L’azienda ha reso nota la misura nella giornata del 29 febbraio, dopo che l’equipaggio di un volo in partenza dall’aeroporto Jfk di New York e diretto a Milano Malpensa si era rifiutato di decollare per timore di recarsi nel Nord Italia, dove sono presenti i focolai dell’epidemia. Attualmente numerosi italiani sono bloccati nello scalo newyorkese in attesa di ritornare nel nostro Paese.

Coronavirus, la decisione di American Airlines

Lo stop ai voli da e per Milano di American Airlines è iniziato dopo la cancellazione del volo AA198 che avrebbe dovuto decollare con oltre 200 passeggero dall’aeroporto Jfk di New York. Quest’ultimo ha dapprima avuto un ritardo di 25 minuti, poi portato a 55 e infine cancellato a causa del rifiuto dei piloti e dell’equipaggio di decollare. Tra i passeggeri attualmente bloccati negli Stati Uniti ci sono anche 22 avvocati italiani facenti parte di una delegazione giunta negli Usa per una missione istituzionale.

Nella notte tra sabato e domenica, un portavoce di American Airlines ha confermato telefonicamente ai giornalisti italiani la decisione della compagnia aerea: “Possiamo confermare che il volo AA198 New York-Milano è stato cancellato per ragioni operative. Alla base della cancellazione c’è stata la decisione del personale di non operare il volo per i timori legati al coronavirus nel Nord Italia. Possiamo però assicurare sul fatto che tutti i passeggeri saranno riaccomodati su altri voli verso Milano”.

Le contromisure americane

La misura adottata dall’azienda arriva peraltro a poche ore dalla decisione del Dipartimenti di Stato americano di alzare dal livello 3 al 4 il grado di allerta nei confronti del nostro Paese, con conseguente invito ai cittadini statunitensi a non recarsi nelle regioni italiane colpite dal coronavirus. Un provvedimento che avrà sicuramente importanti ricadute sull’economia di entrambi i paesi.