Coronavirus, da Bergamo donna americana avverte gli Usa dell’emergenza

coronavirus-bergamo

In queste ultime ore gli organi di stampa internazionale stanno dando molto risalto alle parole di Cristina Higgins, donna americana residente a Bergamo che sta cercando in ogni modo di mettere in guarda i cittadini Usa dai pericoli dell’epidemia di coronavirus. Potendo vedere l’evoluzione della situazione in Italia infatti, la donna offre un punto di vista inedito ai suoi connazionali oltreoceano, che non sanno ancora bene come reagire nel caso il virus dovesse diffondersi negli Stati Uniti.

Coronavirus, parla donna americana a Bergamo

Ai microfoni della Nbc la signora Higgins definisce la situazione italiana come surreale e distopica, ma è in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook che avvisa coloro che vivono fuori dl nostro Paese delle reali conseguenza del coronavirus: I media negli Stati Uniti non sono riusciti a comprendere la gravità di ciò che sta accadendo qui. Sto scrivendo questo post perché ognuno di voi, oggi, non il governo, non il distretto scolastico, non il sindaco, ma ogni singolo cittadino abbia la possibilità di intraprendere azioni che possano impedire che una situazione come quella italiana possa diventare la realtà nel proprio paese”.

La donna ha inoltre parlato delle misure adottate dal nostro governo per fronteggiare l’epidemia, paragonandole all’atteggiamento di molte persone che negli Usa continuano a minimizzare l’epidemia definendola una banale influenza: “Quando il Primo Ministro Conte ha annunciato la scorsa notte che l’intero paese, 60 milioni di persone, sarebbe stato messo in quarantena, la frase che mi ha colpito di più è stata “non c’è più tempo”. Perché per essere chiari, questo blocco nazionale è come se fosse una tempesta. Ciò che Conte intende dire è che se il numero di contagi non inizia a diminuire, il sistema, l’Italia, crollerà”.

L’invito a rimanere a casa

Descrivendo le situazioni drammatiche vissute dagli ospedali italiani, con medici costretti a scegliere chi ha più possibilità di sopravvivere e dunque di essere curato, la donna lancia un appello agli abitanti di quei paesi ancora non toccati dall’epidemia di vasta scala: “Hai la possibilità di fare la differenza e fermare la diffusione del virus nel tuo paese. Fai in modo che l’intero ufficio lavori a casa oggi, annulla le feste di compleanno e altri incontri, resta a casa il più possibile. Se hai la febbre, qualsiasi febbre, resta a casa”.

Nel finale, Cristina Higgins si rivolge direttamente a chi pensa che modificare così radicalmente le proprie abitudini sia impossibile: “E per coloro che affermano che non è possibile chiudere le scuole e fare tutte queste altre cose, sappiate che anche bloccare l’Italia era al di là di ogni possibile immaginazione soltanto una settimana fa. Presto non avrai scelta, quindi fai quello che puoi adesso”.