Coronavirus, da lunedì 20 dicembre la Liguria sarà in zona gialla: lo conferma Giovanni Toti

·1 minuto per la lettura
Liguria zona gialla
Liguria zona gialla

L’emergenza coronavirus torna a fare paura anche in Italia: la curva epidemiologica appare in rialzo e preoccupa l’incremento dei contagi. Diverse Regioni si avviano verso nuove restrizioni: tra queste c’è la Liguria, che da lunedì 20 dicembre – per due settimane – sarà in zona gialla. Lo ha confermato il governatore Giovanni Toti.

Covid, Liguria in zona gialla da lunedì 20 dicembre

L’ultimo monitoraggio settimanale in Liguria, quello del 16 dicembre, attesta a 313 l’incidenza media settimanale ogni 100mila abitanti.

In aumento non solo i positivi al Covid-19, ma anche i ricoveri ospedalieri. I posti letto occupati in area medica hanno raggiunto il 17%, quelli in terapia intensiva sono al 12%.

Liguria in zona gialla da lunedì 20 dicembre, l’annuncio di Toti

A confermare l’ingresso in zona gialla della Regione è il governatore Toti, il quale ha commentato:Un dato che ci aspettavamo vista la circolazione del virus nei giorni scorsi e che conferma come ci troviamo nel picco della quarta ondata“.

Poi ha precisato: “Fortunatamente grazie ai vaccini, gli ospedali e le terapie intensive sono occupate di un terzo rispetto allo scorso anno e questo ci permette di non avere situazioni di allarme negli nostri ospedali”.

Liguria in zona gialla da lunedì 20 dicembre, le altre Regioni a rischio

La curva epidemiologica appare in crescita non solo in Liguria: sono anche altre le Regioni a rischio. A entrare in zona gialla, infatti, sarà anche il Veneto.

Lo stesso provvedimento è stato introdotto dalla Calabria con una settimana di anticipo, lunedì 13 dicembre. In zona gialla anche Friuli Venezia-Giulia e Alto-Adige: a rischiare ora è anche il Trentino.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli