Coronavirus, da Meloni a Gelmini: solidarietà a Vespa

webinfo@adnkronos.com

"Poco fa mi è stato comunicato che questa sera 'Porta a Porta', trasmissione a cui avrei dovuto partecipare nello spazio dell’intervista politica, non andrà in onda. Rivolgo la mia solidarietà al direttore Bruno Vespa e a tutta la redazione per questa gravissima decisione della Rai, che sceglie di censurare il servizio pubblico in una fase in cui l’informazione dovrebbe invece essere ampia e garantita. Mi chiedo se analoga decisione sarebbe stata presa qualora a essere ospite di Vespa fosse stato un esponente del governo e non dell’opposizione". E quanto dichiara la presidente di Fdi, Giorgia Meloni.  

“Assurdo che la Rai abbia deciso di fermare la trasmissione ‘Porta a porta’, senza alcuna spiegazione scientifica alla base di questa stramba iniziativa. Proprio in momenti complicati come quello che stiamo vivendo i cittadini e il Paese avrebbero il diritto di poter usufruire di programmi che possano garantire loro un’informazione autorevole e di qualità. A Bruno Vespa e a tutta la sua redazione la solidarietà del gruppo Forza Italia della Camera”, afferma in una nota Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. 

"Incomprensibile che la Rai, in un momento così delicato per il Paese, abbia deciso di sospendere 'Porta a porta'. Con l’esigenza di informazione di qualità che esiste ci sarebbe un gran bisogno di Bruno Vespa. Se ci sono regole per tutelare lavoratori Rai allora valgano per tutti". Lo afferma la senatrice di Forza Italia Licia Ronzulla a proposito della sospensione di 'Porta a Porta' su Rai1.  

"In questo momento in cui un’informazione seria e rigorosa è essenziale per evitare o ‘tamponare’ (è il caso di dire) disastri causati dalla pessima comunicazione del governo diventa paradossale la sospensione di ‘Porta a porta’ perché Bruno Vespa deve osservare la quarantena in quanto entrato in contatto con Nicola Zingaretti, positivo al Coronavirus. Con lo stesso metro il presidente del Consiglio e tre quarti del governo dovrebbero stare in quarantena", commenta Giorgio Mulè, capogruppo di Fi in commissione Vigilanza Rai che aggiunge: "Vespa ha fatto tutti gli esami prescritti e tutti hanno dato esito negativo. Negargli la possibilità di andare in onda è dunque un’azione stupida e senza senso".