Coronavirus, da Udine torna al sud: è positivo e obbliga il medico alla quarantena

coronavirus positivo sud medico

Un uomo tornato di recente da Udine al sud, a Frattamaggiore,è risultato positivo al coronavirus e ha costretto il medico che lo ha assisto alla quarantena. Primo caso dunque nel piccolo comune della Campania, dove ora si cerca di ricostruire la catena dei contatti che l’uomo possa aver avuto nei giorni scorsi, soprattutto prima del decreto che impone di rimanere a casa. Pare che l’uomo fosse tornato da Udine presentando già alcuni sintomi, ma avrebbe comunque frequentato un bar della città.

Da Udine al sud è positivo al coronavirus

L’uomo di sarebbe recato al Pronto Soccorso di Frattamaggiore con dei sintomi influenzali e avrebbe raccontato di aver avuto una forte tosse da quando era rientrato dal Friuli, non una delle regioni del nord più colpite, ma comunque molto vicina al Veneto, dove sono molti i focalai epidemici. L’essersi recato all’ospedale ha reso necessario la quarantena preventiva anche per il medico che ha valutato la sue condizione di salute. Una situazione questa che sarebbe potuta essere evitata con una maggiore prevenzione e controllo visto lo stato di emergenza.

Il rischio al sud

La paura più grande è che questo di Frattamaggiore possa non essere un caso isolato al sud dove molti sono tornati per sfuggire dalle zone maggiormente colpite. La scena di quel treno Intercity Notte da Milano a Salerno potrebbe portare a molti contagi anche al sud, ma la speranza è che i decreti restrittivi, prontamente avviati nei giorni successivi, possono aver limitato il peggio. Ricordiamo inoltre che in caso si manifestino i sintomi è consigliabile contattare il 1500 o i numeri messi a disposizione dalle regione prima di recarsi al Pronto Soccordo dove si rischia di contagiare medici e personale sanitario.