Coronavirus, da Unilever fondi e misure a sostegno emergenza

Apa

Roma, 24 mar. (askanews) - Unilever, azienda di beni di consumo che conta nel suo portafoglio importanti marchi come Dove, Knorr, Algida e Lysoform, ha annunciato oggi un'ampia serie di misure a sostegno degli sforzi globali e nazionali per affrontare la pandemia da coronavirus. Le azioni dell'azienda mirano a proteggere le persone che stanno affrontando questo difficile momento, tra cui i consumatori, le comunità, i clienti, i fornitori e i dipendenti.

Unilever contribuirà con 100 milioni di euro alla lotta contro la pandemia attraverso donazioni di sapone, disinfettante, candeggina e cibo. Nello specifico, con una donazione di saponi e disinfettanti pari almeno a 50 milioni di euro a favore della COVID Action Platform del World Economic Forum, che sostiene le organizzazioni e le agenzie sanitarie globali nella risposta all'emergenza. Oltre alla fornitura di sapone, Unilever adatterà le sue attuali linee di produzione per produrre il disinfettante utile a ospedali, scuole e altri contesti istituzionali.

In Italia, sin dai primi giorni Unilever sta fornendo supporto ad enti, strutture sanitarie e personale medico e volontario che lavora in prima linea nel contrasto alla diffusione del virus, mettendo a disposizione prodotti igienizzanti e per la cura della persona. È stato inoltre realizzato un accordo con Croce Rossa Italia per la fornitura degli stessi prodotti a tutti i presidi presenti sul territorio nazionale.

Parallelamente dai dipendenti di Unilever Italia è nata l'idea della raccolta fondi "NON ESCO, MA…RADDOPPIO!" a favore del personale sanitario dell'ospedale Giovanni XXIII di Bergamo, che in questi giorni sta affrontando la situazione più difficile. Da parte sua Unilever Italia ha abbracciato l'iniziativa dei suoi dipendenti e si è impegnata a raddoppiare la cifra che sarà raggiunta attraverso le donazioni su Go Fund Me.