Coronavirus, Danimarca e Polonia chiudono confini

webinfo@adnkronos.com

La Danimarca chiuderà le sue frontiere a mezzogiorno di domani a causa dell'emergenza coronavirus. Lo ha annunciato la premier Mette Frederiksen. "Tutti i turisti e gli stranieri che non potranno provare un'importante ragione per visitare la Danimarca non potranno entrare nel paese", ha detto la premier danese, spiegando che il provvedimento sarà in vigore fino al 13 aprile. L'esercito sarà mobilitato per aiutare nel controllo dei confini. La frontiera rimarrà aperta per il passaggio di beni alimentari e medicine. La Danimarca ha notificato la decisione ai suoi vicini: Germania, Norvegia e Svezia.  

Anche la Polonia vieterà l'ingresso agli stranieri per contrastare la diffusione del coronavirus. Lo ha annunciato il governo di Varsavia, specificando che i collegamenti internazionali via treno e aereo saranno sospesi domenica. I cittadini polacchi potranno rientrare in patria dall'estero ma dovranno mettersi in quarantena per due settimane. I confini rimarranno aperti solo per le merci. All'interno della Polonia saranno chiusi i centri commerciali, salvo la vendita di alimentari e le farmacie. Club, casinò, bar, pub e ristoranti chiuderanno domani. Saranno vietate riunioni di più di 50 persone, anche nelle chiese. "Sono decisioni difficili, ma ci permetteranno di evitare tempi ancora più duri", ha detto il primo ministro Mateusz Morawiecki.