Coronavirus, Della Vedova: da Di Maio approccio populista su Ue

Pol/Arc

Roma, 6 mar. (askanews) - "A Di Maio che dice che non ci sono tetti che tengano per il deficit se ci sono in ballo la salute e le imprese, dico che così partiamo male. Questo è un approccio populista nel momento in cui serve misura, rigore e razionalità". Lo dichiara il segretario di Più Europa, Benedetto Della Vedova.

"Potremo superare i vincoli europei, ma i soldi per finanziare le spese aggiuntive non ce li darà l'Europa, non ce li darà nessuno che non siano i mercati e i risparmiatori italiani e stranieri. Il nostro impegno non è ingaggiare una lotta con l'Ue. Stiamo attenti a non trasferire agli italiani l'idea che il nostro problema sia che l'Unione europea deve darci più soldi. L'Europa - prosegue Della Vedova - ci consentirà di fare più debito rispetto a quello che ci eravamo impegnati a fare, dopodiché questo governo dovrà chiedere più soldi ai risparmiatori, ai fondi. E questi soldi ci arriveranno se spiegheremo che faremo cose che ci consentiranno di far fronte agli obblighi che prendiamo. E in Europa - conclude - saranno tanto più solidali con noi quante più cose diverse rispetto agli ultimi due anni riusciremo a fare".