Coronavirus, Di Maio: "Pronti 300 mln per made in Italy"

webinfo@adnkronos.com

"Abbiamo il dovere di agire con la massima serietà continuando a dare supporto H24 ai nostri cittadini e tutelando anche l’economia del nostro Paese". E' quanto si legge in un post su Facebook del ministro degli Esteri Luigi di Maio sull'emergenza coronavirus. "Per martedì ho convocato una riunione per fare il punto sull’export italiano e sul made in Italy - prosegue il titolare della Farnesina -. Ci sono 300 milioni di euro pronti con l’Istituto del Commercio Estero in favore delle nostre aziende e discuteremo insieme di come reagire al meglio di fronte a questo momento. Altri 350 milioni saranno stanziati per il fondo sull’export di Sace-Simest".  

"Più fake news vengono diffuse e più danni, anche a livello economico, subisce il nostro Paese. E questo non possiamo permetterlo. Non a caso - aggiunge - ho dato indicazione di informare direttamente, e puntualmente, anche tutti gli ambasciatori degli altri Paesi accreditati in Italia".  

"Per portare avanti questo percorso di trasparenza nei confronti degli altri Stati, come anticipato nei giorni scorsi, è già stato inviato alle nostre ambasciate nel mondo il primo report con tutti i dati precisi sul coronavirus: numeri, focolai, aree geografiche coinvolte. Questi report saranno aggiornati a cadenza giornaliera".  

"Al Consiglio dei ministri ho portato un piano specifico che punta ad informare correttamente tutti gli Stati esteri sul reale andamento delle cose in Italia. Il compito del ministero degli Esteri è anche questo" si legge ancora. "Abbiamo messo in sicurezza tutti i nostri connazionali che erano all'estero - aggiunge - ora dobbiamo pensare ad arginare la diffusione all'estero di notizie imprecise o addirittura false che si stanno propagando in questi giorni". 

Intanto il vertice Italia-Francia in programma per giovedì a Napoli dimostra la fiducia degli altri Stati nei confronti del nostro Paese, dice il ministro degli Esteri: "Ci sarà il vertice Italia-Francia a Napoli con il presidente Macron e questo dimostra la fiducia che gli altri Stati hanno nell’Italia nel continuare tutte le attività previste".