Coronavirus: donna positiva scappa dal Nord Italia e va a Modica

Coronavirus, donna positiva scappa da Pavia a Modica

Una donna positiva al Coronavirus e in quarantena domestica a Pavia, scappa per raggiungere Modica. La signora arriva a Milano, per poi prendere un aereo diretto a Roma, un volo con destinazione Catania e da lì un taxi fino alla cittadina siciliana. Controlli? A quanto pare nessuno o, almeno, non su di lei.

Scappa da Pavia e arriva a Modica

La paziente, di 70 anni, è ora ricoverata all’Ospedale Maggiore di Modica, da dove si spera non riesca più a muoversi. Non sono chiare le dinamiche che le hanno permesso una fuga così elaborata né le irresponsabili motivazioni per le quali abbia compiuto un gesto simile.

A darne comunicazione è stato il Sindaco Ignazio Abbate, con un videomessaggio su Facebook: “A cosa serve ripetere di stare tutti a casa quando una nostra concittadina, malata di Coronavirus, parte dalla Lombardia, prende due aerei, si fa venire a prendere da un taxi e rientra comodamente a Modica?”, si chiede, “Tutto ciò è scandaloso, è così che hanno blindato la Sicilia?”.

Il Sindaco: “I responsabili pagheranno”

Abbate fa inoltre riferimento alle falle nel sistema di controllo del governatore Nello Musumeci, che aveva dichiarato di aver blindato la Regione. Eppure, una donna positiva al Coronavirus è riuscita tranquillamente ad entrare. “Adesso non è il momento di fare processi, ma ci sarà tempo e luogo perché i responsabili paghino per queste mancanze”, dice il primo cittadino.

Appena la notizia è trapelata, il tassista che ha scortato la donna fino a Modica è stato contattato. L’uomo dichiara che la signora non gli ha detto nulla circa il suo stato di salute quando è salita in macchina. Ora, sia lui che la sua famiglia devono osservare una quarantena di 14 giorni.

Denunciata la donna positiva al Coronavirus

Le Autorità stanno ricostruendo contatti e spostamenti della signora, oltre che del tassista nelle ultime 48 ore. La donna è stata denunciata per attentato alla salute pubblica: “Quello che ha fatto un gesto di una gravità inaudita, se gli eventi saranno confermati dagli inquirenti”, dichiara Ignazio Abbate.